E-cigarettes: per il cuore sono più sicure

sigaretta-elettronica-209318Sigaretta elettronica promossa dai cardiologi europei. Arriva dal Congresso dell’European Society of Cardiology (Esc), infatti, uno studio comparativo tra gli effetti sulla pressione sanguigna provocati dalle “bionde” tradizionali e da quelle elettroniche, “surrogato” meno tossico delle classiche sigarette. Ricercatori greci dell’ Onassis Cardiac Surgery Center hanno arruolato 20 tabagisti tra 25 e 45 anni e 22 persone della stessa età che hanno aspirato e-cigarette per 7 minuti. Nel primo caso, quello del fumo tradizionale, è stato osservato un aumento della pressione (+8% la “massima”, +6% la “minima”) e del battito cardiaco (+10% dopo aver fumato).

Nel caso degli utilizzatori della versione elettronica (caricata con una piccola dose di nicotina pari 11 milligrammi/millilitro) l’unico parametro in aumento è stata la pressione diastolica, la “minima”, che è aumentata di un modesto 4%. Tra gli altri vantaggi emersi c’è una minore presenza di sostanze nocive nel sangue: dopo esami di laboratorio, infatti, i ricercatori non hanno trovato tracce di nitrosamine e idrocarburi aromatici policiclici che, invece, abbondano con le sigarette normali.

Gli studiosi greci non escludono altri effetti collaterali dovuto alle e-cigarette e comunque, anche se “la sigaretta elettronica può essere considerata un’alternativa al tabacco” c’è bisogno di altri studi per affermare che si tratta di un sostituto sicuro del tabacco. In ogni caso, la raccomandazione è quella di scegliere prodotti a marchio CE e rivenditori affidabili per l’acquisto sia del dispositivo che delle cartucce, diffidando da bancarelle e offerte low-cost, e ricordando che la sigaretta elettronica, il cui indubbio vantaggio è la riduzione dell’assorbimento di veleni, non è un riconosciuta come un rimedio per smettere di fumare.

Fonte : Sole 24 ore