L’equilibrio della flora intestinale: probiotici e prebiotici

6 novembre 2014

Salute

probioticoL’intestino è un organo che esplica funzioni fondamentali nel nostro organismo. Si occupa della digestione degli alimenti, di assicurare al corpo gli elementi nutritivi essenziali e di liberarlo dalle tossine. La salute intestinale dipende in larga parte dall’equilibrio della flora batterica. Una sua alterazione può determinare difficoltà digestive di vario tipo, reflusso esofageo, diminuzione delle difese immunitarie e tendenza alla diarrea.

Un alterato equilibrio intestinale generalmente dipende dallo stress (non dimentichiamo che l’apparato gastrointestinale è considerato il nostro secondo cervello), da una alimentazione sbagliata e dall’assunzione prolungata di farmaci. Depressione e ansia sembrano essere due tra le principali cause dei problemi intestinali. In particolare, pare agiscano a livello del colon, la parte inferiore dell’intestino. Ne è una dimostrazione l’aumentata diffusione della sindrome del colon irritabile.

All’interno del colon abitano oltre 200 tipologie di batteri. Tra essi, i bifido batteri e i lattobacilli hanno proprietà benefiche. Tali microelementi, chiamati anche probiotici, aiutano a mantenere un ottimale equilibrio batterico, utile a regolarizzare le funzioni intestinali. Dalle ultime ricerche, è emerso che i probiotici sono in grado di prevenire allergie, favorire la peristalsi e migliorare i fastidiosi disturbi legati alla condizione cronica del colon irritabile. E’ possibile incrementare la produzione di probiotici con una dieta corretta. Gli alimenti che contengono questi batteri buoni sono tutti i prodotti caseari fermentati, lo yogurt naturale e la soia.

Tuttavia, se si è in presenza di acidità di stomaco o disfunzioni biliari, può verificarsi una sorta di competizione batterica con altri microorganismi presenti nella flora intestinale. La soluzione consiste nell’aggiungere alimenti prebiotici, i nutritivi dei probiotici. I prebiotici si possono trovare sottoforma di integratori alimentari da banco. Sono in fase di sperimentazione alcuni prodotti alimentari totalmente innovativi: i simbiotici. Pare riescano a migliorare l’equilibrio della flora batterica in base ai probiotici e prebiotici specifici introdotti nella loro composizione. Anche se non nocivi, è bene rivolgersi al proprio medico prima di assumere qualsiasi medicinale o integratore alimentare.

Una risposta a “L’equilibrio della flora intestinale: probiotici e prebiotici”

  1. Thekgo Says:

    Bentrovata Claudia.L’ integrazione alantmeire che suggerisco risale ad uno studio sperimentale effettuato negli anni ’70 in un ospedale della California su 50 degenti a cui veniva somministrato un integratore a base di grani integrali e su altrettanti 50 a cui veniva somministrato un placebo.Naturalmente in entrambi i casi a titolo integrazionale, non farmacologico.Si vide, e i dati sono di pubblico dominio, che coloro a cui venne somministrato l’ integratore a base di grano, riso e soia furono dimessi pif9 precocemente degli altri e dimostrarono un deperimento organico minore rispetto agli altri degenti con tempi di recupero esuberanti.Si era allora agli albori di un’ integrazione che non parte dall’ uso di vitamine bensec dall’ apertura di quei canali attreverso cui le vitamine passano.Si agisce a monte dunque, non a valle!Usare questo tipo di integratore ad oggi rappresenta la cosa pif9 sensata uno sportivo possa fare, grazie per l’ attenzione.

    Reply

Lascia una opinione