Obesità: come prevenirla

30 giugno 2014

Benessere

obesitàL’obesità è una condizione grave e patologica che nuoce sia alla salute generale che all’aspetto fisico. Colpisce una persona su quattro e si sta diffondendo sempre di più anche nei bambini. La mossa vincente è la prevenzione, unita ad uno stile di vita corretto.

La prima regola, semplice quanto essenziale, è quella di evitare il consumo eccessivo di cibi grassi. Generalmente gli alimenti ad indice glicemico più elevato sono quelli surgelati e pre-confezionati, arricchiti da salse e condimenti elaborati. Purtroppo la maggior parte delle persone li sceglie, perché hanno un buon sapore e sono veloci da cucinare. Altri cibi da limitare quanto più possibile sono i fritti, gli oli idrogenati e gli snack.

Controllate il rapporto tra il livello di zucchero nel sangue e l’assunzione di carboidrati. Per perdere peso non basta eliminare i grassi. Alcuni elementi, pur avendone pochi, tendono ad essere più ricchi di carboidrati e zuccheri raffinati. Una soluzione efficace è quella di sostituire pasta e pane bianco con fibre integrali o cereali quali grano, farro, miglio e riso. Consumate carboidrati una o due volte la settimana, abbinandoli sempre a proteine, utili a abbassare il picco glicemico. Ad esempio, potreste preparare 70 gr di pasta integrale con 50 gr di tonno sgocciolato, oppure 80 gr di farro condito con 40-45 gr di lenticchie o ceci.

Più si prende peso, più si tende a mangiare, specie fuori pasto e durante la notte. Mangiare in questi orari (soprattutto cibi che non sono sani come merendine, pane e salumi) contribuisce in maniera significativa all’incremento ponderale. Tra le 07:00 e le 09:00 del mattino il metabolismo è alto, quindi potete fare una colazione abbondante, anche con qualche dolce, senza tuttavia esagerare. Dopo le 18:00, dovrete invece eliminare i carboidrati e la quantità di cibo, per seguire in maniera naturale il fabbisogno corporeo.

 

Commenti non permessi.