Consigli per il buonumore

Sonno regolare, corpo tonico e alimentazione giusta aiutano a mantenerlo

Il buonumore si alimenta! Ebbene sì, il buonumore non è solo una predisposizione caratteriale –che pure possiamo alimentare con una mentalità, amici e collaboratori positivi– ma è anche condizionato dalla presenza attiva di una serie di ormoni e vitamine nel nostro metabolismo. È quindi possibile aiutarci ad alzarci la mattina con il piede giusto, come si dice, e mantenerlo nel tempo.

Melatonina e sonno ristoratore

Godere di un buon sonno –lungo il necessario, tranquillo, comodo e ristoratore– è forse il primo requisito del buonumore. Soprattutto nei periodi di maggiore stress esterno dovuto a tensione lavorativa o della vita personale è bene aiutare il proprio sonno e non solamente coricarsi sfiniti aspettando fiduciosi il dio Morfeo o le pecorelle di fiabesca fama.

  1. La sera preferiamo una cena leggera: magari con riso integrale, cereali e alimenti che favoriscono la naturale produzione di melatonina, come lattuga, asparagi, spinaci e pesce.
  2. Evitiamo i carboidrati raffinati: no a pane bianco, pasta, dolci e cibi conservati ricchi di glutammato
  3. Beviamo una tisana rilassante o del latte caldo prima di andare a dormire: le prime aiutano naturalmente il sonno, il latte placa l’acidità gastrica cui potremmo essere soggetti.
  4. Assumere un integratore a base di melatonina, secondo le dosi indicate e avvisando il proprio medico se il problema di insonnia è serio.

Iperico e Rhodiola, Vitamine C ed E, acqua e fibre

Non solo per la cena dobbiamo avere delle accortezze. È in generale importante aiutare l’organismo a mantenersi tonico e predisposto a produrre naturalmente sia la melatonina sia l’altro ormone del buonumore –la serotonina– e alimentarlo di vitamine importanti contenute soprattutto nella frutta e nella verdure fresche.
Banane, ananas, avena, noci, asparagi stimolano naturalmente la produzione di melatonina.
Cacao e cioccolato fondente, noci, kiwi, ananas, ciliegie, pomodori, banane e prugne aiutano a produrre serotonina.
Anche in questo caso sono oggi disponibili integratori alimentari a base di Iperico e Rhodiola in grado di sopperire ad una mancanza importante nel nostro organismo.

Sport e fitness: bandire la pigrizia

Infine l’attività fisica. Il nostro corpo è spesso costretto ad una scrivania o all’interno di un’auto per ore ed ore e ha bisogno di scaricare naturalmente tensione e tossine.
Un’attività fisica, anche moderata, fatta di camminate a passo veloce, bicicletta o cyclette in home fitness o una pratica sportiva definita, è indispensabile e va programmata nella nostra settimana.

Promo Vini Giordano