Disabilità e diritti. Mattarella: “L’indifferenza è il male peggiore”

Parcheggio gratuito per disabili
Una legge per parcheggiare liberamente e gratis ovunque

Giornata Internazionale dei Diritti delle Persone con Disabilità

La Giornata Internazionale dei Diritti delle Persone con Disabilità ci interroga sulla conoscenza che i disabili e i cittadini normalmente hanno dei diritti delle persone con disabilità. Il panorama non è sempre confortante, ma molti passi avanti sono stati fatti e vengono fatti per sensibilizzare, informare ed educare già durante gli anni della scuola dell’obbligo.

Non a caso ha colto nel segno l’osservazione del presidente della Repubblica Sergio Mattarella secondo cui «L’indifferenza è il male peggiore». Questa frase, pronunciata l’estate scorsa durante la festa di chiusura delle attività dei centri estivi che coinvolgono anche bambini e ragazzi disabili, ha raccolto molti consensi.

Principali diritti dei cittadini disabili in Italia

L’istituzione di una Giornata Internazionale dei Diritti delle Persone con Disabilità, proclamata dall’Onu già nel 1981, ha quindi un significato forte. Il lavoro è stato lungo e solo nel 2006 è stata adottata la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità.

Rivediamo o scopriamo i principali diritti delle persone disabili previsti in Italia:

  • Riconoscimento dell’invalidità – È il primo e fondamentale passo: oggi possibile grazie a requisiti stabiliti, procedure e modulistica certe
  • Diritto all’istruzione – È il diritto che realmente immette un bambino e poi una persona disabile nel normale corso della vita del cittadino. E aiuta tutti i piccoli a crescere senza pregiudizi e con una cultura di inclusione. Significa anche insegnanti di sostegno, normativa adeguata e ausili alla disabilità: dalle carrozzine alle tastiere per pc disegnate appositamente.
  • Diritto di voto – Segna l’inclusione nella vita politica del Paese.
  • Diritto al lavoro e diritti dei lavoratori – In Italia una normativa specifica regola l’accesso inclusivo al lavoro di categorie protette di lavoratori con disabilità.
  • Benefici fiscali – Agevolazioni Iva, Iperf e detrazioni fiscali supportano gli acquisti delle persone disabili.
  • Servizi sociali – Come punto di riferimento qualificato.
  • Barriere architettoniche – La legislazione italiana supporta la persona disabile nell’accesso alle aree private e sta progressivamente adattando quello agli edifici e aree pubbliche.
  • Strumenti informatici – Sono previste agevolazioni per l’acquisto di beni informatici
  • Agevolazioni telefoniche – Tariffe agevolate
  • Agevolazioni e contrassegni per la circolazione e sosta – Un contrassegno rinnovabile e ormai riconosciuto ovunque per la circolazione e la sosta.
  • Indennità di accompagnamento – È una novità relativamente recente, ma molto importante per le persone con disabilità e i loro parenti.
  • Invalidità oncologica – La più diffusa è la invalidità per il tumore al seno ma di molte altre i pazienti oncologici usufruiscono abitualmente.
Promo Vini Giordano