Umidificatore, anche in estate

La corretta umidificazione degli ambienti va sempre verificata

Anche in estate non sottovalutiamo la possibilità di utilizzare un umidificatore d’ambiente, soprattutto in presenza di anziani e bambini. Verifichiamo con scrupolo se gli ambienti di casa o del lavoro non sono eccessivamente secchi ed eventualmente provvediamo con facilità con il piccolo elettrodomestico ormai presente in ogni abitazione, ma spesso poco utilizzato.

La secchezza delle vie respiratorie può causare spiacevoli problemi di cui non sempre ci accorgiamo subito: – bruciore agli occhi guardando la tv o lo schermo del pc

– bruciore alla gola con tosse persistente e stizzosa

– difficoltà respiratore accompagnate da secchezza di narici e bocca

– sonno disturbato da tosse.

Alcuni sintomi. Facili i rimedi

Umidificare l’ambiente risulta importante e decisamente semplice avvalendosi dell’apparecchio giusto, adatto alle dimensioni dell’ambiente e delle necessità di chi lo abita. Verifichiamo per esempio la durata: un ottimo umidificatore –silenzioso e ad ultrasuoni– può lavorare bene per 5 o 6 ore  o arrivare a prestazioni di 9-11 ore di operatività che potrebbero rivelarsi essenziali per le nostre esigenze.

Non dimentichiamo che l’utilizzo di un umidificatore ci aiuterà anche a contrastare possibili allergie poiché un ambiente con aria meno asciutta non favorisce il proliferare di acari e allergeni.